Home Notizie Appuntamento spumeggiante con The BoozeBusters su Radio Like

Appuntamento spumeggiante con The BoozeBusters su Radio Like

Alto gradimento e gradazioni di ogni tipo per The BoozeBusters il programma di Radio Like in onda ogni mercoledì dalle 18 alle 19.

Con The BoozeBusters Fabry Bonfanti e Christian Bosatelli ogni settimana propongono musica a 360°, ma soprattutto curiosità sul mondo dei bar e cocktail (sempre sviluppando il tema del bere responsabile – #beremenoperberemeglio).

L’idea della rubrica radiofonica nasce nel solco dell’attività dei due protagonisti che con la pandemia nel 2020 si sono inventati una linea di cocktails in bottiglia “per portare qualità a casa o dove il bar non può arrivare”. Catalizzatore al lancio: l’incontro con dj Pazzini di Radio Like.

«Ho 30 anni – racconta Fabry – e sono un bartender di Bergamo. Gestisco dal 2008 il Jam Live Studio di Nembro con mio fratello Cristian. Non mi sono mai fermato davanti a un cocktail. Ho fatto molti corsi per cercare di migliorarmi ogni anno e ho sempre ricevuto tantissime soddisfazioni. Nel 2020 le cose sono cambiate e ho colto l’occasione che aspettavo da tempo, trovando in Christian un ottimo socio con cui creare il sogno di una vita, The BoozeBusters».

«Inizialmente – racconta Christian – appassionato di cucina, mi sono trasferito dietro al banco del bar all’età di 18 anni. I primi passi li ho mossi al bar tabaccheria dei miei genitori e, occasionalmente, il fine settimana in discoteche e locali. A 20 anni, dopo un mese a Barcellona per un corso, mi sono trasferito a Londra per inseguire il mio sogno. “Sto via qualche mese”: dicevo. Sono diventati 3 anni. Ho lavorato in cocktail bar, ristoranti, pub e hotel a 5 stelle ponendomi sempre la crescita personale come obbiettivo. Dopo una piccola pausa a Ibiza sono tornato a Barcellona nella scuola in cui avevo seguito il corso, ma in veste di insegnante. A Barcellona ho passato quasi un anno, uno tra i periodi più belli della mia vita. Rientrato in Italia, per stare vicino alla mia famiglia durante il pieno della pandemia, ho cercato di non stare fermo e grazie alla collaborazione con il mio caro amico Fabry, e suo fratello, abbiamo creato The BoozeBusters».