Home Album of the week THE RADIO SUN – Beautiful Strange

THE RADIO SUN – Beautiful Strange

“Beautiful Strange” è il quinto album da studio degli australiani The Radio Sun, che nel corso degli ultimi anni si sono costruiti un notevole seguito tra gli appassionati di melodic rock. Questo nuovo lavoro viene pubblicato dalla Pride & Joy Music e dalla Anderstein Music per quanto riguarda la versione giapponese.

La band è guidata dal chitarrista Steve Janevski e dal cantante/chitarrista Jason Old, a cui si aggiungono Gilbert Annese alla batteria e Anthony Wong al basso. L’album è stato prodotto dalla band stessa e mixato da Paul Laine ( Danger Danger ) che si è occupato di suonare anche le tastiere e occasionalmente il basso. il mastering è a cura di Bruno Ravel ( Danger Danger ), mentre il bellissimo artwork è opera di C.A. Beckston. Si parte subito in quarta con “Hold On Tight”, pezzo breve ma incisivo tra Harem Scarem e ( ovviamente ) Danger Danger. A seguire arriva “Believe in Me”, altro ottimo esempio di melodic rock con un Janevski sugli scudi, un chitarrista dotato di indubbio talento soprattutto negli arrangiamenti. “As Long As You Want Me” se fosse uscito come singolo a metà degli anni ’80 avrebbe dominato l’airplay, un pezzo clamorosamente retrò ma con un appeal notevole anche oggi, che fa il pari con “Out of This World”, altra canzone dotata di un refrain d’altri tempi. Molto bella anche “Have You Got What You Takes” che mi ha ricordato i The Defiants, la band messa in piedi proprio da Laine e Ravel, ottimo il solo di Janevski. Molta cura viene riservata ai cori che supportano alla grande la voce di Old, che in alcuni casi potrebbe ricordare quella di Joe Elliot dei Def Leppard, come in “I Don’t Want To See You Cry”, altro pezzo decisamente ben riuscito. Da segnalare che l’edizione giapponese a cura della sempre positiva Anderstein Music contiene ben due bonus tracks, “World Of Colour” e “Forever & Always”, quest’utlima molto alla Danger Danger , che aggiungono decisamente valore all’album e che vi consiglio caldamente, visto anche l’ottimo lavoro che viene solitamente fatto dall’etichetta nipponica anche in fase di confezionamento del prodotto.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here