Home Notizie Elezioni Fiorano, Andrea Bolandrina punta sulla continuità

Elezioni Fiorano, Andrea Bolandrina punta sulla continuità

Punta sulla continuità, Andrea Bolandrina. Assessore uscente allo Sport e Tempo libero si candida a sindaco alle prossime amministrative di Fiorano al Serio. La sua lista “Insieme per Fiorano” è una delle due nate dalla maggioranza che negli ultimi cinque anni ha sostenuto la sindaca Clara Poli. L’altra è “Progetto per Fiorano” che candida Antonio Guardiani. C’è poi il gruppo della minoranza uscente “Italia in Comune Nuovo Corso” con cui si presenta Virgilio Venezia.

Bolandrina, 40 anni, tecnico delle industrie meccaniche, spiega che la sua lista è nata dal desiderio di dare continuità all’operato dell’amministrazione Poli. «Questo desiderio mi ha spinto a cercare nuove persone, anche per favorire una partecipazione attiva dei cittadini. Il gruppo si è poi allargato fino a raggiungere i 27 componenti più altri 6 che si son detti disponibili a dare una mano nelle commissioni».

La lista è nata proprio da questo gruppo allargato. «Inizialmente – prosegue Bolandrina – ci siamo concentrati su un lavoro che mettesse in risalto le motivazioni che ci hanno spinto a metterci in gioco. Solo successivamente ci siamo dedicati ai programmi. Da ultimo sono state scelti i 12 candidati, che avranno il compito di rappresentare tutto il gruppo. La lista, più che per vincere, è stata formata per essere in grado di amministrare il paese».

Per quanto riguarda il programma, Bolandrina sottolinea: «Il territorio di Fiorano ha una superficie molto ridotta e una buona densità di popolazione. Questo ci porta a concentrare il nostro lavoro sulle relazioni e sulla riqualificazione del territorio in funzione proprio delle relazioni. Il programma presenta proposte in continuità con il mandato dell’amministrazione uscente, ma contiene anche nuove iniziative. Ad esempio, vorremmo istituire un osservatorio dedicato alle problematiche sociali o lavorare sulla mancanza di strutture per poter favorire il lavoro delle associazioni».

Guarda l’intervista completa:

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here