Home Notizie Al museo di Sciesopoli la presidente di “Children of Selvino”

Al museo di Sciesopoli la presidente di “Children of Selvino”

Foto di gruppo (Miriam Bisk è la quarta da destra)

Miriam Bisk, presidente dell’Associazione Children of Selvino, sabato mattina ha visitato l’appena inaugurato Museo Memoriale di Sciesopoli Ebraica, la Casa dei Bambini di Selvino. L’hanno accolta il sindaco di Selvino Diego Bertocchi e il consigliere delegato a Sciesopoli Virginia Magoni. 

Miriam Bisk ha espresso il suo apprezzamento per il lavoro svolto e l’augurio che da ora si possa sviluppare una più proficua e intensa collaborazione tra il Museo e l’associazione. Erano presenti anche il “ciclista della Memoria” Giovanni Bloisi, la poetessa dell’Altopiano Aurora Cantini, Giuseppe Cavalli del Museo della Stampa di Soncino, alcuni rappresentanti israeliani ed italiani dell’associazione e Andrea Costa del Ministero dei Beni Culturali che si è occupato della impermeabilizzazione dei terrazzi di Sciesopoli. Infatti, dopo la visita al museo è seguita quella all’edificio di Sciesopoli per poter constatare di persona le opere svolte.

L’edificio, dopo la seconda guerra mondiale, ospitò centinaia di bambini e ragazzi ebrei, molti dei quali rimasti orfani e sopravvissuti allo sterminio nazista. Lo scopo fu soprattutto quello di riportarli alla vita, far ritrovar loro l’infanzia e la giovinezza perdute. 

Questa mattina Miriam Bisk è stata invece al Memoriale della Shoah di Milano anche per un incontro con l’Associazione Figli della Shoah e per ampliare così i contatti e le comunicazioni tra tutti quanti hanno sostenuto l’impegno per il recupero della memoria di Sciesopoli Ebraica.

«Per me è sempre una grande emozione ritornare a Sciesopoli, dove i miei genitori furono istruttori e contribuirono a riportare alla vita centinaia di bambini – ha detto Miriam Bisk -. Spero di organizzare presto un nuovo incontro a Selvino con i Children of Selvino, le loro famiglie, la popolazione di questo accogliente paese e i tanti amici che abbiamo in Italia».

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here