Home Notizie Reati ambientali e violenza contro gli animali, incontro a Bergamo

Reati ambientali e violenza contro gli animali, incontro a Bergamo

Nella giornata di ieri 14 febbraio, dalle ore 09 fino alle ore 14, presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Bergamo, circa 70 Carabinieri della Provincia di Bergamo del comparto Territoriale e del comparto Forestale hanno partecipato ad un seminario sui reati commessi nei confronti degli animali e sui reati ambientali, i cui relatori sono stati il Dott. Fabrizio Gaverini, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Bergamo ed il Dott. Mauro Leo Tenaglia, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia.

L’iniziativa, fortemente voluta dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Bergamo, Colonnello Paolo Storoni, ha avuto l’obiettivo di accrescere la già presente osmosi tra le due anime operative e professionali dell’Arma bergamasca, anche in considerazione della presenza, nelle fila dell’Arma dei Carabinieri, del personale del ex Corpo Forestale dello Stato.

Nell’Arma, i Comandi Stazione Territoriali sono lo strumento principe della conoscenza del territorio e del contatto con il cittadino, questi valori sono stati amplificati con l’istituzione dei Comandi Stazione Carabinieri Forestali, che non di rado coesistono nello stesso edificio, a dimostrazione dell’importanza di interconnessione tra le due “specialità”.

Alla luce di ciò e tenuto conto della realtà del territorio bergamasco, i due Magistrati hanno analizzato, con i Carabinieri presenti, una serie di reati contro gli animali e contro l’ambiente, sottolineandone l’importanza sociale ed operativa di fenomeni che sebbene all’apparenza potrebbero sembrare meno gravi di tanti altri, ledono un bene comune di assoluto valore qual è l’ambiente (es. l’inquinamento del Lago d’Iseo) e non possono esimere di considerare la brutalità con la quale si manifestano (es. maltrattamento di animali attraverso violenza), fornendo gli strumenti utili ad attività investigative ed operative ancor più qualificate.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here