Home Notizie Un bando di Regione Lombardia per le strutture alberghiere

Un bando di Regione Lombardia per le strutture alberghiere

Il palazzo sede della Giunta regionale (foto da Wikipedia di Amstead23 - Opera propria)

Uno stanziamento di 17 milioni di euro per sostenere la competitività delle strutture ricettive lombarde. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell’assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni. I fondi serviranno a promuovere progetti di realizzazione e riqualificazione di
alberghi e aziende ricettive all’aria aperta.

«Dopo 15 anni – spiega Lara Magoni – la Lombardia vara una misura che mira ad elevare qualitativamente l’offerta ricettiva della nostra regione, in modo da renderla sempre più attrattiva ed accogliente. Il sogno olimpico ci impone di essere in prima linea fin da subito nel rendere la nostra ricettività ancora più attrattiva. Presentarsi al mondo con alberghi e strutture all’aria aperta moderne, funzionali ed efficienti, sarà un valore aggiunto inestimabile per ospitare al meglio i visitatori internazionali».

Destinatari

La misura è indirizzata alle micro, piccole e medie imprese e ha la finalità di promuovere progetti di eccellenza per favorire la realizzazione e la riqualificazione di strutture ricettive alberghiere (alberghi o hotel; residenze turistico-alberghiere; alberghi diffusi; condhotel) e strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta (villaggi turistici, campeggi e aree di sosta). Lo stanziamento di 17 milioni di euro prevede l’opportunità di finanziare, al 50% e a fondo perduto, progetti per un investimento minimo di 80.000 euro con la possibilità di ricevere un contributo massimo fino a 200.000 euro.

La misura è indirizzata alle micro, piccole e medie imprese e ha la finalità di promuovere progetti di eccellenza per favorire la realizzazione e la riqualificazione di strutture ricettive alberghiere (alberghi o hotel; residenze turistico-alberghiere; alberghi diffusi; condhotel) e strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta (villaggi turistici, campeggi e aree di sosta).

I macrotemi 

I progetti dovranno riguardare i seguenti macrotemi: Enogastronomia & food experience; Natura & green; Sport & turismo attivo; Terme & benessere; Fashion & design; Business congressi & incentive. Tra le spese ammissibili ci sono arredi, macchinari, attrezzature, strutture ed opere edili-murarie e impiantistiche.

I numeri

I numeri, d’altronde, parlano chiaro. «La Lombardia – sottolinea l’assessore Magoni – è sempre più visitata a livello internazionale. I dati dei flussi turistici – ricorda – da gennaio a settembre 2019 (elaborazione Polis su dati provvisori in merito a rilevazione Istat) dicono che: gli arrivi sono stati 14.271.798, le presenze hanno toccato quota 35.928.599. Numeri che certificano un vero e proprio boom del turismo lombardo, visto che rispetto allo stesso periodo del 2018 gli arrivi sono cresciuti del 5,8% e le presenze addirittura del 7,5%. Ebbene, un vero e proprio boom turistico che la Lombardia vuole ulteriormente valorizzare offrendo ai turisti dei servizi efficienti, strutture di qualità ed un prodotto turistico sempre più competitivo a livello internazionale».

Strutture biglietto da visita

«Le strutture ricettive rappresentano il biglietto da visita della nostra regione – aggiunge Magoni – e spero davvero che gli operatori del settore sappiano cogliere al volo questa importante occasione che permetterà di dare nuova linfa vitale alle loro attività, anche e soprattutto in vista delle prossime sfide che ci attendono, a cominciare dalle Olimpiadi 2026». «Un momento di sport e di promozione turistica – conclude – davvero importante per i nostri territori». (LNews)

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here