Home Notizie In elicottero ai rifugi, monta la polemica

In elicottero ai rifugi, monta la polemica

Il Rifugio Brunone (fotografia di Mirco Bonacorsi)
Il Rifugio Brunone (fotografia di Mirco Bonacorsi)

Gli appuntamenti sono tre. In programma voli in elicottero ai rifugi: il 28 giugno al Brunone, il 23 agosto al Barbellino e il 20 settembre al Coca. L’iniziativa, promossa da Turismo Valbondione, ha però da subito suscitato dissenso. Prima del Cai di Bergamo che, attraverso il suo presidente Paolo Valoti, si è detto perplesso. Ora di Legambiente Bergamo.

Nicola Cremaschi, presidente di Legambiente Bergamo, ha scritto alla sindaca di Valbondione Romina Riccardi e, per conoscenza, al presidente del Parco delle Orobie bergamasche Yvan Caccia.

«Stiamo seguendo sulla stampa le notizie relative all’iniziativa promossa dall’Associazione Turistica di Valbondione: voli in elicottero a tre rifugi che sono siti nel territorio del vostro comune – esordisce Cremaschi -. Non neghiamo che la notizia ci lascia perplessi: prendiamo atto di quanto afferma il presidente del Parco Regionale delle Orobie Bergamasche sul fatto che l’area Parco non sia soggetta a divieto di sorvolo ma l’elicottero tange le aree “Natura 2000”, molto delicate dal punto di vista ecologico. Se quel Parco esiste, se sono istituite le aree “Natura 2000” è perché qualcosa bisogna proteggere, in particolare la fauna che vive in quegli habitat: le Orobie sono un territorio in cui si è sviluppata nel corso del tempo una biodiversità di altissimo livello e una ricchezza di esperienze turistiche, agricole, di valorizzazione ambientale estremamente variegata».

Il presidente di Legambiente Bergamo prosegue: «Crediamo che le nostre montagne meritino un turismo di qualità capace di coglierne le ricchezze durante il corso di tutto l’anno con un progetto coordinato tra tutti i soggetti disponibili a mettersi intorno ad un tavolo e a pensarne un futuro rispettoso delle future generazioni. Non crediamo che il sorvolo delle Orobie sia “turismo 2.0” tutt’altro. Pensiamo che se c’è qualcuno disposto a farsi elitrasportare per diporto non significa che questa sia una strada da seguire, perché è soltanto un esempio di ciò che di più scontato ormai si può pensare in campo turistico. E non è per nulla consolatorio che l’iniziativa di Valbondione preveda “solo” tre giornate di elicottero: sia il Rifugio Curò che il Rifugio Baroni si trovano in Zona di Protezione Speciale (ZPS), nella quale il sorvolo turistico e atterraggio turistici sono quanto meno incompatibili».

«Ci dispiacerebbe che perseguiste questo progetto. Ci troveremmo costretti a cancellare le uscite che abbiamo previsto per quest’estate nel vostro territorio e a sconsigliare ai nostri soci di frequentare dei rifugi e dei sentieri che amiamo molto. È l’unico modo che ci lascerebbe per farvi capire il nostro dissenso», prosegue Cremaschi.

Il presidente di Legambiente Bergamo conclude con una richiesta alla prima cittadina: «Auspichiamo che annulli le tre giornate e attivi un tavolo con le realtà disponibili per progettare un futuro turistico sostenibile e di qualità».

16 COMMENTI

  1. in tanti si auspicavano che venissero abolite dubbie manifestazioni come “save the mountains” e “la cordata della Presolana”….per non parlare del “sentiero” per i cassinelli….Fì sito almeno…

  2. Prima chiudono il paese ai turisti, adesso però gli vien comodo….. Le Palanche le Palanche… Anche quelli che dicono amano la montagna, Ke Mont Ke Mont le ignit….

  3. 90 anni fa, nacque un certo Walter, che poi divenne il re delle Alpi e non solo…. Questo Signore (BONATTI) Lui si che Amava e rispettava la Montagna, nel più profondo….

  4. Il dio denaro purtroppo fa questo ed altro…
    Siamo destinati ad autodistruggerci ed a distruggere tutto quello che di meraviglioso ci circonda.
    Non meritiamo (o perlomeno non tutti lo meritano…) ciò che la natura ci ha messo a disposizione gratuitamente, e senza chiederci che un poco di rispetto in cambio. Ma purtroppo il rispetto di alcuni (molti!) finisce difronte al proprio vile guadagno.

  5. Mi sempre piaciuto pensare all’alta Montagna, come un posto dove tutti poveri ricchi ecc, dovrebbero essere uguali al suo cospetto. Poi arrivano i soliti mercenari di turno, e mi rovinano tutti i sogni.

  6. questa mattina un elicottero dell’esercito italiano ha sorvolato per vari momenti la valcanale e quasi a raso il lago branchino… cercavano il nemico? speriamo non abbiamo disturbato troppo la fauna e la flora… la storia del padre figlio e asino che vanno al mercato continua …

    • Contatti l’ Aeronautica Militare per lamentarsi che i loro elicotteri eseguono voli di addestramento in tali zone. Magari consigli pure loro un altro luogo più consono.

      • La mia era un appunto a Legambiente e Cai che si accaniscono contro le iniziative nei nostri territori in alta Valle quando non sono da loro ideate, ma nulla possono o vogliono ridire sulle svolazzate delle forze superiori… personalmente amo la quiete in montagna ma comprendo anche chi non avendo buone gambe desidera almeno una volta assaporare la bellezza delle nostre vette, buone camminate ed escursioni a todos

        • comunque ho seguito con interesse il volo dell’elicottero militare e ho anche alzato la mano in segno di saluto al bravo pilota …

  7. Quante anime belle !
    Non mi pare che si tratti di istituire una linea aerea che porti giornalmente ai rifugi, ma solo di un’iniziativa unica (o quasi) che magari consenta di raggiungere “semel in anno” un rifugio alpino ANCHE A CHI NON E’ IN GRADO DI FARSI LA SCARPINATA (per i motivi più vari).
    Promuovere la fruizione LIMITATA non può essere guardato con la solita spocchia.
    Certo che ci sono anche i danari di mezzo, ma forse che i danari non servono ?
    Un po’ di sano realismo non guasterebbe

  8. se lo facessero solo per gli anziani e per chi non ha la fortuna di muoversi in autonomia???? Non ai figli di papà che vogliono farsi un giretto…. Vergogna

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here