Home Notizie La richiesta di nuovi confini per la Comunità montana Valle Seriana, Marinoni:...

La richiesta di nuovi confini per la Comunità montana Valle Seriana, Marinoni: «Non ci fermiamo»

Non si arrendono i sindaci che vogliono nuovi confini per la Comunità montana della Val Seriana. Nemmeno dopo la prima risposta arrivata da Milano.

Nei giorni scorsi la Regione Lombardia ha inviato una comunicazione ai Comuni di Rovetta e Gandellino, i primi a chiedere con una delibera di Consiglio la revisione dei confini. In sostanza, con riferimenti di legge, la Regione ha risposto che tutti i comuni della Val Seriana sono classificati come montani. Non ci sarebbero quindi le condizioni per rivedere il territorio di competenza della Comunità montana.

Mauro Marinoni, sindaco di Rovetta, che ha avanzato la proposta di nuovi confini con i colleghi di Castione e Clusone, Angelo Migliorati e Massimo Morstabilini, non condivide l’impostazione della risposta. «A una problematica di carattere politico sollevata dalle Amministrazioni comunali è stata data una risposta burocratica – osserva Marinoni – . Bisognerebbe invece tener conto di quali sono gli elementi di carattere socio economico che differenziano le realtà all’interno della Comunità montana. È su quella base che dobbiamo fare considerazioni e valutazioni».

«Noi di sicuro non molliamo», annuncia il sindaco di Rovetta. E aggiunge: «Abbiamo fatto una prima proposta di riparametrazione dei confini. Non si può fare? Passiamo allora al passo successivo: chiediamo la separazione dell’alta valle dalla bassa».

Banco di prova saranno anche le prossime scelte. «Vediamo come verranno utilizzati i fondi del Bim. Se neanche un euro verrà speso per i comuni dell’alta valle credo che anche l’opinione pubblica dovrà chiederne conto ai propri rappresentanti».

Di seguito il video con l’intervista a Marinoni in cui il sindaco di Rovetta parla anche dei prossimi passi che con gli altri sindaci intende attuare: