Home Notizie Albino, con i lavoretti dei bimbi libri per i detenuti

Albino, con i lavoretti dei bimbi libri per i detenuti

I lavoretti di Natale che realizzeranno in laboratorio serviranno per acquistare matite, quaderni e libri per altri studenti. Persone che come loro frequentano una scuola, ma nel carcere di Bergamo. È un progetto certamente inedito quello che viene proposto quest’anno ai bimbi della primaria di Albino. Un progetto per aiutarli a riflettere su una realtà spesso ai margini dei percorsi formativi, ma che se conosciuta può aiutare a diventare cittadini più consapevoli.

«L’istituto comprensivo “Solari” da dieci anni tra novembre e dicembre si approccia a un tema di solidarietà – spiega Federica Buelli, insegnante ad Albino –. Viene rivolta attenzione a una realtà o un’associazione, i bambini sono sensibilizzati ai suoi scopi e poi viene promossa una raccolta fondi. Quest’anno il tema è il carcere. Un’attenzione nata da una sfida che la dirigente scolastica Veronica Migani ha voluto lanciarci. A giungo, infatti, è stata nominata come membro della commissione per gli esami di maturità dei detenuti ed è tornata molto colpita da questa esperienza».

Così a settembre è iniziato il lavoro per costruire il progetto, modulato sulle diverse fasce d’età. Per i bambini della primaria si è pensato a un laboratorio didattico, dove si rifletterà su un racconto e verrà realizzato un aquilone come simbolo di libertà. Inoltre, come ogni anno, a dicembre verranno allestiti dei laboratori dove i bambini preparano dei lavoretti di Natale da vendere. Il ricavato servirà ad acquistare materiale didattico per i detenuti.

«Il nostro obiettivo – prosegue Federica Buelli – è far comprendere che una volta che una persona compie un gravissimo errore è giusto che lo Stato adotti certe misure, ma è anche giusto che all’interno di questi ambienti ci sia un percorso pedagogico per la riacquisizione di una nuova identità come persone. Perché tutti prima o poi tutti escono dal carcere e si devono reimmettere nella società. Se la cultura della società sarà attenta e sensibile al reinserimento sicuramente le relazioni saranno meno di scontro e più di comprensione. Non è facile, ma la scuola ha anche l’onere di affrontare temi di spessore sociale che hanno poi una ricaduta nella vita quotidiana di bambini e ragazzi».

Un momento del convegno promosso a scuola
Un momento del convegno promosso a scuola

Nell’ambito del progetto è stato anche organizzato un convegno per sensibilizzare genitori, insegnanti e cittadinanza sul tema dell’istruzione in carcere come mezzo per la ricostruzione dell’identità e della dignità dell’individuo. Moderate dal giornalista Paolo Confalonieri, sono intervenute persone che a vario titolo operano in carcere: il cappellano don Fausto Resmini, la responsabile dell’area pedagogica Anna Maioli, il comandante del reparto di Polizia penitenziaria Daniele Alborghetti, la coordinatrice della scuola Maria Grazia Agostinelli.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here