Home Album of the week SLASH Feat. MYLES KENNEDY and the Conspirators – Living The Dream

SLASH Feat. MYLES KENNEDY and the Conspirators – Living The Dream

Nonostante gli impegni dell’ultimo periodo con la reunion dei Guns n’ Roses, continua a marciare il progetto che Slash porta avanti ormai da diverso tempo, “Living The Dream” è infatti il terzo album che vede coinvolti Myles Kennedy ( cantante degli Alter Bridge ) e i Conspirators ( Todd Kerns all basso, Brent Fitz alla batteria e Frank Sidoris alla chitarra ritmica ).

12 canzoni che viaggiano in linea con quanto fatto finora dalla band, ovvero hard rock che pesca a piene mani dalla tradizione degli eighties con qualche spruzzata di modernità ( mai troppa ad essere sinceri ). Punto di forza dell’intero lavoro ovviamente il guitar work di Slash che anche stavolta non tradisce le attese, e il cui suono è sempre facilmente riconoscibile. Si passa allora da pezzi più tirati come l’opener “The Call of The Wild” , alla cadenzata “Serve You Right”, al singolo “Driving Rain” che non è poi così distante dalle ultime cose dei Black Stone Cherry. Kennedy come al solito è molto versatile, mentre la sezione ritmica è una delle migliori in circolazione, chi ha avuto occasione di poter vedere la band dal vivo avrà apprezzato sicuramente la “botta” che il duo Fitz/Kerns garantisce. “Mind Your Manners” è rock’n’roll al 100%, mentre una menzione particolare la merita “Lost Inside The Girl”, 6 minuti e mezzo di hard rock venato di blues con una grande prova del duo Slash/Kennedy, a mio avviso una delle migliori canzoni partorite da questa partnership. Non manca la ballata, “The One You Loved is Gone” è palestra ideale per Kennedy, che come dimostrato anche dal suo recente album solista si trova molto a suo agio su atmosfere rilassate e non sempre per forza tirate a 100 all’ora. Giudizio più che positivo da parte mia, in attesa che magari si concretizzi veramente un nuovo lavoro discografico della band madre, il buon Saul Hudson continua a tenere alta la bandiera di un certo modo di fare rock.

 

 

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here