Home Notizie Incidente alla stazione di Gazzaniga, le motivazioni della sentenza

Incidente alla stazione di Gazzaniga, le motivazioni della sentenza

Il mazzo di fiori sul luogo dell'incidente

Sono state rese note le motivazioni della sentenza con cui il Giudice Massimiliano Magliacani ha condannato a 5 anni con il rito abbreviato l’autista del pullman autosnodato della Sab che il 24 settembre dello scorso anno aveva travolto e ucciso il 14enne di Ardesio Luigi Zanoletti e ferito gravemente altri due studenti. 

Il Giudice ha scritto che la condotta di guida è stata talmente imprudente da presentare il carattere di eccezionalità e imprevedibilità tale da assumere il ruolo di causa da sola sufficiente a integrare l’evento. In pratica secondo il Giudice a provocare la tragedia fu solo la manovra in accelerazione dell’autista, talmente abnorme da superare e rendere di fatto irrilevante ai fini penali la valutazione come concausa delle condizioni di sicurezza predisposte per l’area del piazzale dalla Sab e dei suoi dirigenti che sono stati assolti dall’accusa di cooperazione nell’omicidio colposo e nelle lesioni colpose. Secondo il Giudice nessun documento dei rischi avrebbe potuto evitare un sinistro della strada se il conducente del veicolo, pur conscio della presenza di un pericolo, non fa nulla per evitarlo ma addirittura vi va incontro con l’accelerazione. Intanto sia i difensori dell’autista, sia la Procura sono pronti a impugnare la sentenza davanti alla Corte d’Appello, la Procura in particolare intende impugnare i punti che riguardano il proscioglimento dei dirigenti e l’assoluzione della Sab.

1 COMMENTO

  1. “…la Procura in particolare intende impugnare i punti che riguardano il proscioglimento dei dirigenti e l’assoluzione della Sab.” Bello sarebbe stato, leggere qui anche le motivazioni (non futili) del perchè la Procura si accinge a far ciò…

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here