Home Notizie Dopo 75 anni si ricorda la tragedia del battello sul Lago d’Iseo

Dopo 75 anni si ricorda la tragedia del battello sul Lago d’Iseo

Il 5 novembre 1944 alle ore 10.15 due aerei britannici alleati mitragliarono il battello «Iseo» al largo di Monteisola provocando la morte di 43 persone, di cui una mai ritrovata, e il ferimento di 33 passeggeri.

A distanza di 75 anni il Circolo dei Lavoratori di Iseo ricorda la tragedia con due giornate di iniziative dal titolo “5 novembre 1944. Per non dimenticare”. Il primo appuntamento è previsto per oggi, sabato 2 novembre: alle ore 18 al Circolo Lavoratori di Iseo in vicolo Pergola numero 9 si tiene l’inaugurazione della mostra «Il tragico 1944», curata da Mino Botti, con fotografie e documenti, anche inediti, che ricostruiscono la tragedia e il contesto politico e sociale di quegli anni. Dopo i saluti delle autorità a introdurre la mostra verrà proiettato un filmato con alcune testimonianze, alcune mai raccontate, come quella di don Virgilio Fenaroli. A seguire, rinfresco e musiche Anni ’40 cantate da Ottavia Brown.

Martedì 5 novembre alle ore 9 partenza dal molo di Iseo con la motonave “Città di Brescia” con tappa a Tavernola Bergamasca, arrivo a Monte Isola e ritorno.

Alle ore 10.15, ora in cui avvenne la tragedia, è prevista la commemorazione al Porto di Siviano con discorsi, rintocchi di campane, sorvolo aereo del Centro Volo Nord e lancio di una corona di fiori nel lago; e alle 12 il rientro a Iseo. La giornata è su invito.

L’iniziativa è promossa con la collaborazione degli Istituti Comprensivi di Iseo, Monte Isola e Tavernola Bergamasca, il sostegno dei comuni di Tavernola Bergamasca, Monteisola, Sulzano, Sale Marasino, Iseo e di Centro Volo Nord, Navigazione Lago d’Iseo, Comunità Montana Sebino Bresciano, Associazione culturale Saviano Fusini, Società operaia Mutuo Soccorso Iseo, Cgil Spi Lega Iseo, Fnp Cisl Pensionati Brescia e Valle Camonica; e il patrocinio dei comuni di Lovere, Castro, Costa Volpino, Pisogne, Sarnico, Predore, Riva di Solto, Marone, Vigolo e Paratico.

La mostra «Il tragico 1944» curata da Mino Botti è visitabile al Circolo dei Lavoratori di Iseo in via Pergola 9 fino al 10 novembre 2019 dalle ore 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 20.30; venerdì e sabato fino alle 24. Dopo il 10 novembre sarà a disposizione dei comuni che vorranno proporla.

Sempre per ricordare la strage del battello, il Circolo dei Lavoratori di Iseo mercoledì 7 novembre a partire dalle 20.45 propone alla sua sede in vicolo Pergola 9 “La guerra senza fronte. Il bombardamento del quarantaquattro sul Lago d’Iseo”, conversazione con Mauro Pennacchio, ex docente di storia e filosofia dell’Istituto Antonietti di Iseo (partecipazione libera).

1 COMMENTO

  1. Ben vengano iniziative come questa per ricordare, i superstiti di certi fatti ormai sono pochissimi e purtroppo col passar del tempo saranno sempre meno fino a scomparire totalmente. Ricordare certe volte può far male, ma é una cosa giusta per cercare di fare in modo che certe idee xenofobe e guerrafondaie (e di questi tempi sene sente il rifiorire…) restino isolate e non trovino terreno fertile dove risbocciare e prosperare.

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here