Home Notizie Ardesio, la Scasada del Zenerù veste i colori dell’Atalanta

Ardesio, la Scasada del Zenerù veste i colori dell’Atalanta

Altro che Gollini. Il 31 gennaio a difendere la porta dell’Atalanta ci va il fantoccio del Zenerù. È l’espediente che gennaio proverà ad usare quest’anno per sfuggire al suo destino già scritto. Non ce la farà. Come da copione, finirà bruciato in un grande falò.

Ad Ardesio, la Scasada 2020 si colora dunque di nerazzurro. Flaminio Beretta, a cui spetta ogni anno trovare il tema della manifestazione, ha deciso di rendere omaggio all’ennesima grande stagione della Dea. La sua idea prenderà poi forma nel carro realizzato da un gruppo di volontari, dove il fantoccio verrà messo per essere cacciato a suon di campanacci, latte, raganelle e tutto ciò che può far rumore.

«Cèrto che mè de giüga al balù go semper vüt öna gran passiù. Ma dato che so ö pirlengù i ma mai dacc l’autorissasiù. Mè ‘nvece go üt la concessiù de fa ‘l porter per ön an o dù, giügando però a zenüciù… Nnè pasa piö che di balù!!! Però se per caso i segnerà ‘la ‘ndarà a finì chi mà bruserà (Certo che io ho sempre avuto una gran passione per il calcio. Ma siccome sono troppo altro non mi hanno mai dato l’autorizzazione. Io invece ho avuto la concessione di fare il portiere per un anno o due, giocando però in ginocchio… Non ne passano di palloni!!! Però se per caso mi faranno gol, andrà a finire che mi bruceranno). Questo il testo della poesia stampata sul retro della cartolina realizzata come ogni anno per l’occasione. 

Ad accompagnare la Scasada del Zenerù, organizzata dalla Pro loco di Ardesio, sono attese migliaia di persone. Ormai la tradizione, che affonda le radici negli antichi riti di cacciata dell’inverno, richiama gente non solo dall’alta Val Seriana, ma pure da tanti paesi della Bergamasca e addirittura da fuori provincia. 

La tradizione del Zenerù viene condivisa anche con le nuove generazioni. Sarà infatti riproposto il “Processo al Zenerù”. I bambini e ragazzi della primaria di Ardesio saranno protagonisti la mattina del 31 gennaio alle 11 in sala consiliare. Ascolteranno testimoni a difesa e contro Zenerù per decidere il suo destino: sarà giudicato innocente o colpevole? Il falò in programma la sera preannuncia già l’epilogo. Al termine del processo è prevista anche la presentazione ufficiale del gruppo ospite di questa edizione: i “Boes e Merdules” da Ottana (Nuoro), che porteranno ad Ardesio il loro rito tradizionale.

Il ritrovo per la Scasada è in programma ad Ardesio venerdì 31 gennaio alle 20 nei pressi del Ponte Rino (largo Alessandro Volta). Da qui partirà il corteo attraverso il centro storico a cui seguirà il falò del Zenerù. Non mancheranno frittelle e vin brulé per tutti. 

Info: prolocoardesio.it e viviardesio.it

Il video della Scasada 2019:

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here