Home Notizie Gandino, messa alla croce di Corno tra solidarietà e memoria

Gandino, messa alla croce di Corno tra solidarietà e memoria

Più di cento escursionisti si sono ritrovati oggi, domenica 12 settembre, a Gandino per la tradizionale celebrazione ai 1280 metri della Croce di Corno. Un punto che permette di dominare dall’alto l’intera Valle.

Quello della seconda domenica di settembre è un appuntamento molto atteso soprattutto negli ultimi anni. Un progetto di recupero e ristrutturazione da decine di migliaia di euro ha infatti permesso di rimettere a nuovo la croce in ferro, posata nel 1925 in coincidenza con l’Anno Santo. Atalanta Club Valgandino, Pro Loco, Gruppo Alpini, Cai Valgandino, Fanti, Comune e Parrocchie dell’Unità Pastorale di Gandino Barzizza e Cirano si sono uniti nel ricordo di Renzino Rottigni, volontario onnipresente morto improvvisamente nel 2018.

La croce è un simbolo di solidarietà caro alla comunità di Gandino, che l’ha vista illuminarsi anche nelle notti del lockdown più duro. La novità di quest’anno era rappresentata dal punto di sosta attrezzato posizionato nelle ultime settimane, con tavolo in legno di cedro e pannello informativo dedicato all’altimetria e alla flora locale.

La messa è stata celebrata da don Manuel Valentini, da poco trentenne: fu l’ultimo a celebrare nel 2017 ai piedi della “vecchia” Croce ed il primo a rifarlo nel 2020.