Home Notizie Elezioni Gazzaniga, le interviste ai candidati sindaci

Elezioni Gazzaniga, le interviste ai candidati sindaci

Il municipio di Gazzaniga

Si gioca tra continuità e novità la partita per le elezioni amministrative di Gazzaniga. Da una parte c’è il sindaco uscente Mattia Merelli, che punta alla riconferma con Lega e Forza Italia. Dall’altra Filiberto Rosa, candidato della lista che vede appaiati i simboli di Fratelli d’Italia e di Gazzaniga si rinnova, un gruppo per la prima volta in campo.

Rosa, 53 anni, farmacista, prova a scalfire da destra il dominio Lega – Forza Italia che nel paese della media Val Seriana dura ormai da diversi anni. «Mi sono candidato perché riconosco in Fratelli d’Italia il partito più coerente nell’area del centrodestra – spiega Rosa -. Ho preso contatti con Michele Schiavi (coordinatore del partito in Valle Seriana, ndr) e abbiamo capito che ci sono numerosi cittadini di Gazzaniga che si riconoscono con Giorgia Meloni». Una curiosità: tra i candidati consiglieri c’è anche un sacerdote in pensione, don Pinuccio Radaelli.

Per quanto riguarda il programma, la lista di Filiberto Rosa mette al primo posto la sicurezza con la proposta di tornare al vigile di paese e l’introduzione dei Vot (Volontari osservatori del territorio). Altri obiettivi sono la creazione di una grande area verde, la realizzazione di una casa albergo e una sala della biblioteca aperta 24 ore su 24 per chi vuole studiare.

Di seguito l’intervista a Filiberto Rosa:

Corre invece per il secondo mandato Mattia Merelli, 40 anni, geometra, libero professionista. Con lui buona parte del gruppo che lo ha affiancato negli ultimi cinque anni, più qualche nuovo innesto. La lista è sempre caratterizzata dai simboli di Lega e Forza Italia. «Siamo persone che vivono a Gazzaniga e che si sono sempre impegnate per la comunità – spiega il candidato sindaco -. Al centro mettiamo la gente del nostro paese e quindi i servizi, le opere pubbliche, oltre alla presenza costante sul territorio».

Tra gli obiettivi la riqualificazione dell’ex dopolavoro, per cui la Regione ha concesso un contributo da 500 mila euro. Merelli punta poi all’adeguamento sismico delle scuole, a completare l’illuminazione a led in paese e il parco di via Mazzini, dove da poco è nato l’Urban fitness park (uno spazio per fare attività fisica all’aperto).

Di seguito l’intervista a Mattia Merelli:

LASCIA LA TUA OPINIONE

Please enter your comment!
Please enter your name here