Home Speciale Migranti Migranti, l’integrazione corre sulle due ruote

Migranti, l’integrazione corre sulle due ruote

Altra iniziativa all’insegna dell’integrazione per il “Comitato di cittadini per costruire l’accoglienza Valle Seriana”: domenica sedici migranti e una quindicina di volontari sono montati in sella alle biciclette.

«È stata una bella esperienza – spiega Enrico Scandella -, rigenerante sia per noi che abbiamo partecipato come volontari, sia per i ragazzi. Siamo partiti da Rovetta e tenendoci sulla pista ciclo-pedonale, passando per Ponte Nossa, siamo arrivati a Vertova. Ci siamo fermati nella zona verde accanto al fiume dove dopo un bagno nelle acque del Serio e due tiri al pallone, siamo tornati a Rovetta. È stata proprio una bella esperienza. Uno degli obiettivi del comitato è proprio quello di dare ai ragazzi occasioni di svago. È un buon modo per non tenerli chiusi nelle strutture».
Migranti in bici-2

Il Comitato è al lavoro con altri progetti. «Nei prossimi giorni andremo avanti con iniziative simili sulle due ruote – continua Scandella -. Vorrei cogliere l’occasione per indicare a tutte quelle persone che hanno nei box biciclette che non usano di metterle a disposizione per queste iniziative: tramite il nostro comitato potremmo farle avere anche agli altri ragazzi ospiti a Castione della Presolana».

Migranti

Questa settimana è in programma anche una marcia: venerdì 11 settembre a Bergamo, in corrispondenza con la manifestazione che si terrà a Venezia “Marcia degli uomini e donne scalzi”, tutte le persone che vorranno prendervi parte si raduneranno alle 18 in piazza Pontida. La partenza è alle 18,30 con destinazione Prefettura.

Con l’avvicinarsi dell’inverno il Comitato sta organizzando iniziative al chiuso, sta lavorando infatti a due laboratori artistici (aperti anche a tutta la popolazione): uno dedicato alla creta, il secondo al mosaico. Le opere realizzate dai ragazzi saranno esposte con una mostra dedicata ai viaggi, difficoltà e avventure che hanno vissuto i migranti ospiti sul territorio della Valle Seriana.

Migranti